+39 339 1480 554 info@patriziabelleri.it

 

Trova una buona posizione. Disponiti ad abbandonare il corpo. Fai qualche movimento e un po’ di flessioni ed estensioni sulla colonna lombare e cervicale, finché non trovi la posizione più comoda per te. Quando non avverti tensioni, vuol dire che hai trovato la posizione giusta. Inizia con il solito patto con te stessa a non compiere movimenti e a dedicarti solo alla contemplazione passiva del tuo corpo che si rilassa. Cerca  dentro di te lo stato della calma. La calma, come il sonno, si realizza da sé. Lascia  che si realizzi, mantieni un atteggiamento di accoglienza, di “lasciar accadere”.

Immagina  di vedere il tuo corpo rilassato … adesso entra dentro al tuo corpo. Senti  dall’interno le sensazioni che provi: la mano destra, il braccio, la spalla destra. La mano sinistra, il braccio, la spalla sinistra. Il volto: la mascella, le guance, le palpebre, la fronte, i muscoli della testa. L’aria entra e esce dal naso, senti  la sensazione che ti provoca. Senti  gli effetti del respiro che ti culla.

Senti  la parte cervicale della colonna, le spalle, la schiena. La schiena sprofonda nel materasso, hai la sensazione di perdere il senso dei confini tra il corpo e il materasso che lo accoglie. Senti l’addome, il bacino, il perineo.

E poi le cosce, le gambe, i piedi. Il piede destro, la gamba destra. Il piede sinistro, la gamba sinistra.

ti immergi nel tuo corpo e lo avverti  come uno spazio pieno. Senti  il corpo tutto pieno. Il tuo corpo è uno spazio pieno. Senti  pieno lo spazio tra il lato destro e il lato sinistro del tuo corpo. Senti  pieno lo spazio tra la parte anteriore e la parte posteriore del tuo corpo. Senti il tuo corpo pieno dalla testa fino ai piedi. Tutto il corpo è uno spazio pieno, pesante, pulsante. Questo pieno non ha più lati, è un insieme che si dilata, che pulsa, mentre il tuo rilassamento si fa sempre più profondo. Tutto questo spazio pieno si dilata e si contrare con il ritmo del tuo respiro… si dilata e si contrare. Non ha più lati, la dilatazione si amplia,   pulsa, si dilata e si contrare. Il mio corpo si dilata e si contrae… Il mio corpo si dilata e si contrae… Il mio corpo si dilata e si contrae… Il corpo è morbido, rilassato, senza tensioni, sempre più morbido … Il mio corpo si dilata e si contrae…

Rimani qualche istante ancora immersa nel rilassamento, poi inizia  la   ripresa.

Programma  dei movimenti da fare con le dita delle mani come quelli che si fanno quando si suona il pianoforte. Adesso diamo inizio ai movimenti. I movimenti si fanno sempre più sciolti, ridai tono pian piano a tutti i muscoli. Muovi le braccia, le spalle, i piedi, le gambe. Adesso stringi forte ogni, fai un respiro profondo, apri gli occhi.

Psicologa Psicoterapeuta – Ordine Psicologi del Lazio N° 2016